Situazione emergenziale in Centro Italia: Aggiornamenti (LIVE)

Situazione emergenziale in Centro Italia: Aggiornamenti (LIVE)

Gennaio 21, 2017 - 09:13

25 gennaio 2017

Cascia (PG) Dopo la chiusura nelle settimane scorse del Campo di Camerino e di quello a Porto Sant. Elpidio anche l'impegno di supporto delle Misericordie in questa città si concluderà con la sera del 24 Gennaio, ultimo giorno in cui saranno attive le cucine confederali. La decisione della chiusura del campo è emersa nell'ultima riunione con il funzionario del Dipartimento di Protezione Civile che si è complimentato con il referente sul campo Fulvio Barbagallo per l'ottimo lavoro svolto delle Misericordie avvicendate in questi mesi di servizio. Lo smontaggio della struttura si concluderà entro sabato 28 Gennaio .L'impegno delle Misericordie a Cascia non finirà qui . Da mesi e grazie all'impegno dei confratelli e le istituzioni locali sono state date le basi per costituire la Misericordia in questo luogo di culto e di prosperità nelle braccia di S.Rita.

Che

Iddio Ne renda Merito 

22 gennaio 2017

Da ventiquattro ore sono  presenti in provincia di #Chieti e più precisamente nelle località di Schiavi degli Abruzzi e Castiglion Messeri Marino le squadre delle #Misericordie dell'Emilia Romagna che dotate di due turbine , Bobcat , benna e lama stanno ripristinando la viabilità delle due località portando generi di prima necessità a queste area abitata prettamente da  persone anziane.Nell’aquilano continua l’invio delle squadre in campo a liberare sinergicamente le località non ancora raggiunte , più precisamente a Carapelle Carvisio , Castel Vecchio Carvisio , Calascio , Rocca Calascio, Atri, Schiavonaio. Altre squadre sono state impiegate a supporto delle RSA delle località vicine .Sono state inviate anche  squadre a #Cascia per il reperimento di brande e e altre attrezzature al fine di sopperire alle richieste in atto da parte delle nuove squadre in arrivo e della popolazione presente nei Moduli Abitativi Provvisori.

21 gennaio 2017

Sono 90 i confratelli  delle Misericordie toscane e abruzzesi attivati dal 118 e dalla Sala Operativa delle Misericordie. Parte di essi sono stati inviati a espletare la valutazione e a coprire le aree non ancora raggiunte. In particolare nel Teramano è stata raggiunta la località di Villa S.Lucia senza acqua e luce da 4 giorni dove i  nostri confratelli hanno portato viveri di prima necessità e accolto le richieste della popolazione. Nell'Aquilano sono state raggiunte le località di Castel del Monte, Calascio e Santo Stefano Sessanio. Altre invece sono state destinate al supporto sanitario nell'area di Farindola in colonna nei pressi dei soccorsi dove da oltre 48 ore stanno lavorando il VVF impegnati senza sosta nella ricerca dei dispersi all'Hotel Rigopiano. Nelle prossime ore si avrà un  ulteriore miglioramento delle previsioni  e innalzamento delle temperature come si evince dal bollettino del centro metereologico dell’Aeronautica Militare (meteoam.it). Rimane a livello 4 il pericolo di valanghe nelle aree montane di tutto il Gran Sasso.

 

20 gennaio 2017

A Montereale le squadre attivate nelle scorse ore dal 118 della Regione Abruzzo e dalla Sala Operativa delle Misericordie dopo una prima fase ricognitiva delle zone isolate hanno messo in atto le operazioni di evacuazione delle principali strutture rese inagibili dalle scosse e dalla neve. Nonostante la neve che ha reso difficile il raggiungimento delle famiglie isolate, oggi la collaborazione sinergica delle forze in campo e delle istituzioni di Protezione Civile sta rendendo meno complesse le attività in questa emergenza. Al momento, sempre a Montereale, le squadre toscane e abruzzesi sotto la gestione del referente in Campo il Confratello Alfredo Pellecchia della Misericordia dell'Aquila - si stanno alternando a supporto della popolazione utilizzando fin dalle prime ore i moduli di prima accoglienza predisposte nella stessa città di Montereale, Coppito, oltre alla stessa sede della Misericordia  e gli spogliatoi del nuovo stadio 'Gran Sasso-Italo Acconcia' dell'Aquila che sono diventati un centro di accoglienza per i cittadini spaventati dopo le forti scosse. Nella giornata di ieri (venerdì 20 gennaio) con un meteo meno avverso è stato reso possibile individuare e raggiungere altre case isolate dando così un migliore supporto. Rimane ancora difficile la viabilità nel costone del Teramano dove da domani continuerà l’invio di squadre di valutazione e di supporto in quelle aree non accessibile nelle precedenti ore di intervento. Nelle prossime ore, come si evince dalle previsioni meteo del Centro Metereologico dell’Aeronautica Militare (meteoam.it), ci sarà un leggero miglioramento sia sotto il profilo temperature sia su quello della copertura che denota una diminuzione della percentuale di rovesci nevosi. Rimane a livello 4 il pericolo di valanghe nelle aree montane di tutto il Gran Sasso. Dal CCISS  (mobile.cciss.it) viene segnalata sulla SS80 Del Gran Sasso D'italia tratto chiuso causa misure di sicurezza  compreso tra 4,24 km dopo Porcinari/Innesto Ss577 Del Lago Di Campotosto (Km. 28,8) e 397 m prima di Bivio Per Montorio Al Vomano (Km. 60,4) in entrambe le direzioni pericolo valanghe. Nelle Prossime ore, nuovi aggiornamenti