8n2fte - w6g59w - rwquxm - fzmt76 - 9kru5t - as89wm - zwvrff - dlokop

Confederazione dona un pulmino all’ Atletica L’Aquila

Confederazione dona un pulmino all’ Atletica L’Aquila

Dicembre 09, 2010 - 09:19

Sono trascorsi 20 mesi da quel tragico 6 aprile 2009, dove sono accorsi in aiuto centinaia di Misericordie con migliaia di Confratelli e Consorelle, nei diversi campi di accoglienza creati nelle zone del sisma per dare ospitalità alla popolazione aquilana.
All’interno dei campi allestiti per l'emergenza la disperazione, la paura, il disagio comune, la condivisione di tende, bagni e di tutti i luoghi comuni hanno rafforzato quel rapporto umano tra gli stessi aquilani. Questa nuova realtà è stata l’artefice di nuove amicizie, nuovi amori, nuove conoscenze tra gli aquilani ed i Volontari delle Misericordie. Finita l’emergenza ogni occasione è stata e certamente sarà un momento importante per rincontrarsi e per ritrovarsi insieme.
Il prossimo appuntamento sarà in occasione del dono e la consegna di un pulmino all’Atletica l’Aquila Associazione Sportiva Dilettantistica.
La cerimonia si svolgerà a L’Aquila – domenica 12 dicembre 2010, c/o la  Chiesa San Bernardino in Piazza D’Armi Via Raffaele Paolucci – Zona Piazza D’Armi  secondo il seguente programma:
 
Ore 10:00 – Ritrovo e sistemazione dei mezzi
 
Ore 11:00 - S.Messa in memoria delle vittime del sisma, celebrata da Sua Ecc.za Mons. Giuseppe Molinari – Arcivescovo Metropolita dell’Aquila
 
Ore 12:00 – Cerimonia di consegna e benedizione del Pulmino con breve intervento delle autorità  presenti:
 
Mons. Giuseppe Molinari – Arcivescovo dell’Aquila
Giampaolo Arduini – Vice Sindaco dell’Aquila e Assessore allo Sport
Gabriele Brunini – Presidente Confederazione Nazionale delle Misericordie
Floro Panti – Presidente dell’Atletica L’Aquila
Luciano Perazza – Presidente del C.O.N.I  Provinciale L’Aquila
Elvezio Galanti – Dipartimento Protezione Civile Nazionale
 
 
La solidarietà del mondo del volontariato nei confronti di promettenti e futuri atleti che, se pur in settori diversi, hanno in comune la passione, l’amore, la tenacia, il sacrificio, l’essere sempre impegnati a fare meglio, a dare di più. Non resta che sperare che la loro grinta presto li porti ad essere anche Confratelli e Consorelle di Misericordia.