8n2fte - w6g59w - rwquxm - fzmt76 - 9kru5t - as89wm - zwvrff - dlokop

Spiritualità e valori

LA NOSTRA IDENTITÀ

Le Misericordie sono espressione di una storia che viene da lontano, che trova nell’insegnamento di Gesù il suo fondamento ed il suo inizio.

Era l’anno 1244 quando “Uomini di viva fede la istituirono, ordinandosi in sodalizio, per onorare Dio con opere di misericordia verso il prossimo”.

Nella Firenze medievale ebbe inizio questa avventura per opera di persone umili, forse di una cultura sommaria, ma che capirono che la loro Fede non poteva essere un’affermazione di principio senza conseguenza pratica: presero la decisione di mettere la carità al centro della loro vita cristiana, donando il cuore ai miseri, ai poveri, ai bisognosi, a coloro la cui vita distrutta non interessava più a nessuno.

La carità cristiana però non trae origine da ideologie o filosofie filantropiche, ma da Dio, che ci ama per primo, per primo perdona, che ci accoglie e ci aspetta. La carità cristiana è dono di Dio.

Non a caso i confratelli delle origini prima di partire per qualsiasi servizio passavano dalla cappella per mettersi nella mani del Signore; e al ritorno dal loro servizio, deposta la veste, tornavano in Chiesa per ringraziare il Signore di aver loro donato di compiere quell’opera di misericordia. Una consapevolezza mirabilmente espressa nel saluto tradizionale dei confratelli: “che Iddio te ne renda merito”.

Quella storia non è conclusa; il tempo va avanti, cambiano le tradizioni, la cultura corrente, la sensibilità, i linguaggi, resta però ininterrotto lo spirito che ha animato la decisione che ha dato inizio alla realtà delle Misericordie. Queste pagine vogliono offrire spunti di riflessione e di approfondimento valoriale e spirituale a tutti i confratelli che vogliono crescere nel loro impegno di Misericordia come testimonianza di vita e di fede.

+ Franco Agostinelli Correttore Nazionale


Gli auguri di buona Pasqua del Correttore nazionale Mons. Franco Agostinelli


Via crucis - Le 14 Stazioni del cammino di Gesù alla Croce

Ecco le Misericordie che animeranno le 14 stazioni: per la Toscana, le Misericordie di Figline Valdarno, Porto Santo Stefano e Lido di Camaiore; per la Campania la Misericordia di Benevento; per la Sardegna la Misericordia di Cagliari Pirri; per la Sicilia le Misericordie di Alimena e Bompietro; per la Liguria la Misericordia di Genova; per l’Abruzzo e Molise la Misericordia di Termoli; per le Marche la Misericordia di Montegiorgio; per il Lazio la Misericordia di Rieti; per l’Umbria la Misericordia di Cascia (dal Santuario di Santa Rita, la Santa dei miracoli impossibili); per l’Emilia Romagna la Misericordia di Forlì & S.Benedetto in Alpe; per la Puglia la Misericordia di Canosa. Infine per il Nord Italia la Misericordia di Arese in Lombardia, la regione maggiormente colpita dal virus, come segno di augurio e di speranza perché dopo il dolore e la morte c’è sempre la certezza della resurrezione.


Stazione I - Gesù è condannato a morte

Affidata a don Simone Imperiosi (corr. reg. Toscana)

Stazione II - Gesù è caricato della croce

Affidata a don Pompilio Cristino (corr. reg. Campania)


Stazione III - Gesù Cade la prima volta

Affidata a don Roberto Atzori (corr. reg. Sardegna)

Stazione IV - Gesù incontra sua Madre

Affidata a don Calogero Falcone (corr. reg. Sicilia)


Stazione V - Gesù è aiutato da Simone di Cirene

Affidata a don Stelio Spanò (corr. reg. Liguria)

Stazione VI - La Veronica asciuga il volto di Gesù

Affidata a don Vincenzo Ronzitti (corr. reg. Abruzzo e Molise)


Stazione VII - Gesù cade la seconda volta

Affidata a don Pierluigi Ciccaré (corr. reg. Marche)

Stazione VIII - Gesù incontra le donne di Gerusalemme

Affidata a don Fabrizio Borrello (corr. reg. Lazio)


Stazione IX - Gesù cade per la terza volta

Affidata a don Adorno Della Monaca (corr. zonale Grosseto)

Stazione X - Gesù è spogliato delle vesti

Affidata a P. Bernardino Pinciaroli (Cascia – Umbria)


Stazione XI - Gesù è inchiodato sulla croce

Affidata a don Carlo Guadigli (Forlì e S.Benedetto in Alpe – Emilia Romagna)

Stazione XII - Gesù muore in croce

Affidata a don Mario Porro (Canosa – Puglia)

Stazione XIII - Gesù è deposto dalla croce e posto nel sepolcro

Affidata a don Angelo Sciarra (Lido – Toscana)

Stazione XIV - Gesù risorge da morte

Affidata a Stefano Accornero, correttore di Arese (anche come segno di speranza, proprio dalla Lombardia)


Monsignor Franco Agostinelli - Correttore Nazionale

Mons. Franco Agostinelli ai correttori delle Misericordie sul coronavirus

Mons. Franco Agostinelli ai volontari impegnati contro il coronavorus


Rubrica Buone Notizie


TV2000, Rubrica Buone Notizie - Le Opere di Misericordia

TV2000, Rubrica Buone Notizie - Betlemme e l'opera di visitare gli infermi

 

TV2000, rubrica Buone Notizie - Dar da mangiare agli affamati




Se volete essere aggiornati su iniziative, documenti, proposte relative a Valori e Spiritualità è sufficiente mandare una mail a valori@misericordie.org indicando i vostri contatti essenziali (nome e cognome, indirizzo e-mail, eventuale Misericordia di appartenenza; se volete potete indicare anche un recapito telefonico)